skip to Main Content

NATUREN® CONCIME GRANULARE UNIVERSALE /

Fuori di news

Fuori di news

< Torna alla ricerca

ZANTEDESCHIA: COME COLTIVARE LA CALLA IN VASO

16 Mar 2018

453

0
COLTIVARE LA CALLA


Coltivare la Calla in vaso è molto facile ed è consigliabile se abitate in una zona con clima rigido in inverno. Con il nome generico Calla si identificano una serie di piante del genere Zantedeschia, della famiglia delle Aracee, con fiori di colori differenti. La Zantedeschia si contraddistingue anche per il fiore: quello bianco in realtà non è l’infiorescenza ma una foglia modificata, chiamata spata, che avvolge il vero fiore, chiamato spadice.

La varietà più conosciuta in Italia è senza dubbio la Zantedesca aethiopica, caratterizzata da una spata bianca con spadice giallo.

Originaria dell’Africa, la Calla è da tempo diffusa in Europa e il nome con cui è comunemente conosciuta la descrive con il simbolo dell’eleganza per eccellenza. Deriva infatti dal greco kalos, che significa “bello”.

Germoglia da rizomi, reti di radici come quelle dei bambù, che formano dei cespugli di steli alti  fino a un metro di altezza. Le diverse specie di Calla possono essere con fioritura precoce o tardiva; la Calla comune fiorisce da febbraio a maggio.

COLTIVARE LA CALLA

COLTIVARE LA CALLA: ATTENZIONE A SOLE E GELO

La Calla può essere coltivata agevolmente sia in giardino sia in un vaso. Tenete però conto che sopporta temperature troppo basse in inverno: la coltivazione in vaso quindi ci permetterà di spostare la pianta in un luogo riparato quando la temperatura va sottozero.

Amano l’esposizione al sole che però non deve essere troppo intenso: in giardino, per esempio, prediligono un luogo semiombreggiato. Se coltivata in vaso può essere lasciata a nutrirsi del sole del mattino per ritirarle nelle ore più calde della giornata, specialmente in estate.

Il terreno deve essere umido e fertile, arricchito da un concime liquido per piante fiorite che va distribuito durante l’irrigazione una volta a settimana, durante la primavera e l’estate.

La Calla va innaffiata regolarmente e abbondantemente nel periodo della fioritura. Durante il periodo invernale, quando cominciano a seccare i fiori, bisogna ridurre. È importante che il terreno sia sempre umido. Evitate di bagnare i fiori che potrebbero danneggiarsi.

La Calla, pianta semplice, non ha bisogno di grandi potature, dato che le parti secche spesso cadono da sole. Può però essere attaccata da vari parassiti, come la Cocciniglia cotonosa, gli Afidi e il Ragnetto rosso.

ARTICOLI CORRELATI

FIORI E PIANTE PER I BAMBINI: QUALI SCEGLIERE E QUALI EVITARE / Giardino e Prato

13 Jun 2017

1129

2

ORCHIDEE: COME COLTIVARE LA PHALAENOPSIS / Casa e Terrazzo

29 Dec 2014

71351

11

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Youtube