Concimare le piante oggi è facile: i fertilizzanti a cessione programmata

I fertilizzanti a cessione programmata sono l’ultimo ritrovato della ricerca per venire incontro alle esigenze degli appassionati. Quante volte ci siamo dimenticati di concimare le piante del giardino o quelle in vaso? Con i concimi liquidi, da diluire nell’acqua per l’irrigazione ogni 15 giorni, può capitare. E quante volte ci è capitato di bruciare le radici per aver esagerato? Per non parlare di chi ama circondarsi di piante ma ha pochissimo tempo da dedicargli.

La “rivoluzione” apportata dai fertilizzanti a cessione programmata consiste nel fatto che è sufficiente una sola applicazione all’anno!

I fertilizzanti a cessione programmata: basta 1 volta all’anno!

I fertilizzanti a cessione programmata sono costituiti da granuli avvolti da una speciale membrana semipermeabile in resina, totalmente naturale ed estratta da oli vegetali.

I granuli contengono tutte le sostanze nutritive: naturalmente Azoto (N), Fosforo (P), Potassio (K) ma anche una serie di microelementi essenziali alla crescita ottimale delle piante in vaso e non. Come Ferro (Fe), Manganese (Mn), Rame (Cu) e Zinco (Zn).

L’umidità del terreno, che penetra nei pori della membrana in resina, rende solubili i nutrienti contenuti all’interno. Cioè li scioglie, in modo siano subito assimilabili dalle radici.

Con l’aumentare della temperatura e quindi con la ripresa vegetativa delle piante la membrana si apre e libera le sostanze nutritive nel terreno. In questo modo, sfruttando l’azione sinergica dell’umidità e della temperatura, rilasciano le sostanze nutritive nel giusto dosaggio, in modo graduale e nel momento giusto.

Come e quando si usano

Anzitutto vi suggeriamo ove possibile di scegliere un fertilizzante specifico per il tipo di pianta. In modo abbia un titolo, cioè un rapporto tra Azoto (N), Fosforo (P), Potassio (K), ottimale. Per esempio i concimi a cessione programmata per Rose e arbusti da fiore hanno un titolo NPK 22-7-14 mentre quelli per Agrumi ha un NPK 20-7-16.

I fertilizzanti a cessione programmata si possono usare 1 volta all’anno, da marzo a novembre. Il periodo migliore, a seconda del tipo di pianta, è quello che precede il periodo vegetativo. Nel caso di piante da frutto meglio 2 applicazioni a distanza di sei mesi, per esempio a marzo e settembre.

Si distribuiscono circa 50/60 grammi per ogni pianta o mq, avendo cura di interrarlo leggermente. Possiamo anche miscelarlo con il terriccio in caso di travasi o piantumazioni in giardino.

La particolare modalità di funzionamento limita al minimo i rischi di lisciviazione degli elementi nutritivi nel terreno e nelle falde così come nei sottovasi.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: agrumirosa

Articoli recenti

Come coltivare gli Astri o Aster

Per avere tanti bei fiori dalla fine dell’estate fino al tardo autunno, possiamo coltivare gli…

27 Maggio 2022

Come coltivare la Phlomis o Flomide

Gli appassionati amano coltivare la Phlomis per le sue belle fioriture di color giallo oro…

26 Maggio 2022

Come coltivare l’Aneto in vaso e in giardino

Coltivare l’Aneto è facile e offre grandi soddisfazioni. Non solo per le foglie aromatiche simili…

23 Maggio 2022

Come coltivare la Fatsia japonica o Aralia in giardino e in casa

La Fatsia japonica è un bellissimo arbusto sempreverde che possiamo coltivare sia in casa come…

20 Maggio 2022

Irrigare le piante da appartamento: come, quando e perché bagnare

Il compito di irrigare le piante da appartamento è particolarmente importante per uno sviluppo corretto…

17 Maggio 2022

Come coltivare il Mais ornamentale o da pop corn!

Possiamo scegliere di coltivare il Mais sia per motivi ornamentali scegliendo le varietà multicolori, sia…

13 Maggio 2022