Bio

COMPOSTAGGIO DOMESTICO: COME INIZIARE

Il compostaggio domestico è la pratica che prevede il riciclaggio dei resti organici, principalmente di origine vegetale, che a opera di batteri invisibili si trasformano in terriccio fertile di ottima qualità. Naturale ed ecologico, il compost si può utilizzare in giardino e sul terrazzo, perfino nell’orto.

COMPOSTAGGIO DOMESTICO: IL CUMULO

L’operazione comporta la realizzazione di un cumulo di compostaggio con l’impiego di un contenitore apposito, la compostiera. L’uso della compostiera è il sistema più pratico perchè si presta a essere collocata anche in piccoli giardini e terrazzi e agevola il processo di decomposizione.

Compostare è utile sia per garantire la fertilità del suolo sia per ridurre il proprio quantitativo di rifiuti che altrimenti andrebbe in discarica: perchè gettare rametti, foglie fresche e secche, erba, fiori, resti di frutta e verdura della cucina e molti altri materiali se possono essere riciclati nel compost?

COME INIZIARE

Per iniziare scegliete per la compostiera un luogo riparato dal vento, nei pressi dell’abitazione, possibilmente con sole alla mattina e nel tardo pomeriggio. La posizione ideale può essere sotto un albero che crei un’ombra leggera, poggiato direttamente sulla terra, evitando cemento e lastre di pietra che non consentirebbero la penetrazione di insetti e lombrichi presenti nel suolo.

Accumulate detriti per il compostaggio senza esagerare, fino a un’altezza massima di 80 cm, per garantire una circolazione ottimale dell’ossigeno.

Per facilitare il processo di decomposizione, esistono appositi prodotti in commercio chiamati acceleratori di compostaggio, da aggiungere nelle compostiera insieme ai rifiuti. Insieme all’acceleratore di compostaggio, possiamo procurarci anche un biotrituratore per ridurre i rifiuti organici in pezzi più piccoli.

I materiali adatti da inserire nella compostiera sono: erba, frutta e verdure, foglie fresche e secche, gusci d’uovo, fondi di caffé e bustine o fondi di tè.

Gusci d'uovo
Avanzi vegetali
Foglie secche
Foglie verdi
Erba tagliata
Bustine di tè

Al fine di ottenere un ottimo compost separate i rami dai resti morbidi e terrosi delle piante e triturate i rifiuti organici. Dopo aver sistemato uno strato di rami spezzati, mischiate materiali grossi e fini per accelerare il processo di trasformazione.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi

Articoli recenti

Come coltivare il Pennisetum: le graminacee in giardino

Se stiamo cercando delle piante per il giardino che non richiedono grandi cure possiamo coltivare…

24 Giugno 2022

Piante per un terrazzo in montagna: 40 varietà tra cui scegliere

Scegliere correttamente le piante per un terrazzo in montagna è importante poiché non tutte le…

23 Giugno 2022

Come coltivare il Dragoncello

Se siamo amanti delle erbe aromatiche non possiamo non coltivare il Dragoncello! Il Dragoncello (Artemisia…

21 Giugno 2022

Come coltivare i Papaveri e riconoscere la varietà

Se non avete mai provato a coltivare i Papaveri dovrete provarci! Rimarrete stupiti nel vedere…

17 Giugno 2022

Rimedi naturali per eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee

Eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee in modo tempestivo è importante, poiché questo insetto si riproduce…

14 Giugno 2022

Come coltivare i Cavoli di Bruxelles

Coltivare i Cavoli di Bruxelles è facile e ci permette di ottenere raccolti fino a…

10 Giugno 2022