skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

Come irrigare le piante quando siamo in vacanza

07 Aug 2020

233

0
irrigare le piante quando siamo in vacanza


Irrigare le piante quando siamo in vacanza è sempre un problema, poiché proprio in questo periodo la necessità di acqua da parte delle piante è maggiore. Bastano infatti uno o due giorni di sospensione delle irrigazioni per osservare sintomi di appassimento e meno di una settimana per il totale disseccamento della pianta. In caso di assenze più o meno prolungate, risulta quindi evidente la necessità di prendere provvedimenti nei confronti delle piante che coltiviamo nell’appartamento e nel giardino, tappeto erboso compreso. Senza dubbio il metodo migliore per soddisfare questa esigenza è quello di affidarsi a una persona di fiducia con tanta pazienza e tempo a disposizione, ma visto che ciò non è sempre possibile si possono adottare alcune soluzioni specifiche a seconda dei casi:

IRRIGARE LE PIANTE QUANDO SIAMO IN VACANZA: APPARTAMENTO E BALCONE

Il primo consiglio è quello di riunire tutte le piante in un’unica stanza ben illuminata e priva di correnti d’aria, evitando l’insolazione diretta.

  • Per 4-5 giorni di assenza: coprire la terra dei vasi con uno strato di torba ben inzuppato di acqua. La torba cederà progressivamente umidità alla pianta.
  • Per 6-10 giorni di assenza: utilizzare gli appositi gel a base di acqua da inserire nel terreno oppure i vasi a riserva d’acqua, che consentono il passaggio per capillarità del liquido da un apposito serbatoio al terriccio. Questi vasi sono dotati di un indicatore visivo del livello.
  • Oltre 10 giorni di assenza : specialmente se il numero dei vasi è rilevante il problema delle annaffiature può essere risolto grazie all’impiego di centraline elettroniche programmabili (funzionano sia elettricamente che a batteria) in grado di comandare il numero delle irrigazioni e la quantità di acqua da erogare . Il sistema è costituito da una centralina elettronica collegata da una parte a un rubinetto e dall’altra a un tubo principale al quale sono collegati diversi tubicini secondari provvisti di gocciolatori da posizionare nei vasi. Questa soluzione è quella che garantisce i migliori risultati e autonomia nel tempo e il costo è relativamente contenuto.

Sul terrazzo, in caso di lunghi periodi di assenza la soluzione migliore è una centralina elettroniche programmabile (funzionano anche a batteria) in grado di comandare il numero delle irrigazioni e la quantità di acqua da erogare. Il sistema è costituito da una centralina elettronica collegata da una parte a un rubinetto e dall’altra a un tubo principale al quale sono collegati diversi tubicini secondari provvisti di gocciolatori che raggiungono i vasi. Questa soluzione è quella che garantisce i migliori risultati e autonomia nel tempo. Il costo è relativamente contenuto e consente, grazie alle varie possibilità di assemblaggio dei componenti, di adattarsi a ogni esigenza.

È necessario però un rubinetto esterno. L’uso di centraline sui rubinetti della casa (possibile, grazie agli adattatori) è sicuramente da sconsigliare in assenza del proprietario: come tutti i prodotti, la centralina e l’elettrovalvola si potrebbero guastare causando anche allagamenti. Se il rubinetto è fuori, in giardino o sul terrazzo, i danni saranno limitati e sarà più facile per un esterno (il vicino di casa o i pompieri) chiudere l’erogazione dell’acqua.

Nutrizione

In questo periodo gli apporti nutritivi devono essere ben calibrati e mai in eccesso. L’utilizzo delle fiala monodose di integratore da inserire in ciascun vaso è l’ideale soluzione.

COME FARE IN GIARDINO E NELL’ORTO

FIORI ANNUALI IN PIENA TERRA – Più si bagnano e meno durano in quanto l’elevata disponibilità di acqua accelera il periodo vegetativo sino a esaurirle. Bagnare solo il terreno evitando di inumidire foglie e fusti.

ARBUSTI – Sono di solito autosufficienti. Se sono coltivati in aiuole elevate dal piano del terreno occorre intervenire nel periodo caldo ogni 3 giorni bagnando leggermente anche la vegetazione. Per quanto riguarda le Rose evitare di bagnare le foglie e far confluire l’acqua verso le radici scavando una conca tutto attorno al piede della pianta.

FRUTTIFERI E PIANTE LATIFOGLIE ALTO FUSTO – Provvedono in genere da sole. Nei casi di emergenza basta lasciare gli irrigatori da prato in funzione per due ore la settimana sotto la chioma.

CONIFERE – Nei nostri ambienti, se in piena terra, non necessitano di bagnature. Solo nel caso in cui siano allevate in vaso la frequenza sarà di 1-2 volte la settimana avendo cura di irrorare tutta la pianta.

ORTO – È quello che ha maggiori necessità giornaliere. Ricordarsi comunque di evitare di bagnare direttamente la vegetazione per non favorire lo sviluppo delle crittogame e di interrompere le irrigazioni in prossimità della raccolta per aumentare la sapidità e consistenza frutti.

I TAPPETI ERBOSI

Per quanto riguarda il prato, il quantitativo di acqua e la frequenza di somministrazione sono influenzati da diversi fattori tra di loro interdipendenti.

Le condizioni atmosferiche, come la temperatura, la nuvolosità e il vento sono senz’altro quelli che maggiormente incidono sul consumo di acqua del tappeto erboso. Non di secondaria importanza sono però il tipo di terreno, la sua giacitura (se in piano o in discesa), lo stato di manutenzione del tappeto (altezza di taglio, presenza di feltro, ecc.) e le specie costituenti che a loro volta hanno necessità idriche molto diverse.

In ogni caso è bene tenere presente alcune avvertenze di carattere generale:

  • evitare irrigazioni troppo frequenti perché così facendo l’apparato radicale rimane troppo superficiale;
  • preferire le ore del primo mattino o del tardo pomeriggio onde evitare che l’umidità permanga troppo a lungo sulle foglie favorendo gli attacchi delle crittogame;
  • non usare acqua troppo fredda (per esempio attinta direttamente dal pozzo);
  • preferire i sistemi di irrigazione a pioggia con gocce molto fini;
  • a ogni irrigazione distribuire tanta acqua da poter bagnare i primi 15-20 cm di terreno.

A parità di temperatura i terreni sabbiosi richiedono maggiori interventi irrigui di quelli argillosi. La tabella che segue può quindi fornire un orientamento valido per programmare gli interventi.

irrigare le piante quando siamo in vacanza

Impianti completamente automatici, provvisti quindi di sensori della temperatura esterna e dell’umidità del terreno, faciliteranno ulteriormente la regolazione.

Nutrizione

Questo è il periodo di massima vegetazione del prato. Il bilanciamento dei nutrienti deve però essere a favore di elementi quali Potassio e Ferro. I concimi per prato comunemente denominati antistress sono appunto studiati per questo tipo di impiego.

ARTICOLI CORRELATI

10 piante amanti del caldo per una lunga estate verde / Casa e Terrazzo - Giardino e Prato

04 Jun 2019

963

1

LE PIANTE ADATTE PER IL GIARDINO AL MARE / Giardino e Prato

19 Jul 2016

21166

2

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin