Casa e Terrazzo

Come eliminare i ragni rossi dalle piante ornamentali

Eliminare i Ragni rossi dalle piante ornamentali è importante poiché si sviluppano molto velocemente e possono pregiudicare la sopravvivenza della pianta.

I Ragni rossi non sono altro che Acari: degli artropodi che si differenziano dagli insetti per essere forniti di quattro paia di zampe allo stato adulto. Molte specie vivono come parassiti delle piante, di cui pungono i tessuti allo scopo di succhiarne i succhi cellulari. La famiglia degli Acari Tetranichidi è una tra le più dannose e diffuse e comprende diverse specie tra cui il Ragno rosso, il Ragnetto rosso bimaculato e il Ragno Giallo, che sono in grado di attaccare quasi tutte le principali colture arboree, erbacee e ornamentali.

Essendo di dimensioni inferiori agli 0,5 mm sfuggono facilmente al controllo visivo, ragione per cui spesso ci accorgiamo della loro presenza solo quando la pianta presenta i sintomi di sofferenza.

Con le condizioni ambientali favorevoli questi fitofagi si riproducono molto rapidamente e danno origine a infestazioni caratterizzate da notevole virulenza.

ELIMINARE I RAGNI ROSSI: PARTIAMO DALLA PREVENZIONE

Ma quali sono le condizioni ottimali per lo sviluppo degli Acari? Lo sviluppo delle colonie è fortemente favorito da temperature superiori a 25 °C e bassa umidità relativa intorno al 60% . Allo scopo di trovare il microclima giusto per la riproduzione, i Ragni rossi sono molto mobili sulla pianta. Infatti, in caso di condizioni climatiche avverse, si assiste spesso a vere e proprie migrazioni verso le parti più protette (gemme, anfratti della corteccia, ecc.) oppure, in alcune specie, alla creazione di malformazioni escrescenti su varie parti della pianta (dette “galle”), che hanno la funzione di proteggerli fino a quando le condizioni esterne non saranno ritornate ottimali.

Negli ultimi anni si sono compiuti molti progressi nella conoscenza dei fattori naturali favorenti o frenanti lo sviluppo delle popolazioni degli Acari. Mantenere la temperatura degli ambienti sotto i 25°C con umidità superiore al 60% riduce fortemente i ritmi riproduttivi. Accorgimenti agronomici quali l’ombreggiatura, la rimozione delle lettiere fogliari che spesso costituiscono un rifugio e un’irrigazione calibrata sono azioni molto efficaci, poiché è certo che le piante che vivono in regime di secco eccessivo sono più recettive all’attacco.

Il controllo dei fattori climatici è evidentemente possibile per le piante coltivate in casa o in serra. In tutti  gli altri casi è bene prevedere, nel momento in cui si evidenziano le esplosioni demografiche del fitofago, di poter intervenire prontamente con prodotti chimici o biologici di contenimento. Anche in questo caso, indirizzare la scelta verso prodotti innocui o rispettosi dei predatori naturali dell’Acaro incide molto positivamente sul risultato finale.

SINTOMI SULLE PIANTE DI UN ATTACCO DI ACARI

I primi sintomi visibili consistono in piccoli granelli giallastri o biancastri, principalmente sulla pagina inferiore delle foglie o intorno alle nervature. Con il progredire dell’attacco le punture diventano numerose, le cellule colpite muoiono e confluiscono tra loro dando origine ad alterazioni di colore della foglia con tonalità variabili dal bianco argenteo al giallo, fino al bronzo scuro e all’avvizzimento totale. In alcuni casi viene anche prodotta una tela biancastra che forma una massa farinosa o fioccosa, avente la funzione di proteggere le uova, in genere sempre sulla pagina inferiore delle foglie.

COME INTERVENIRE IN CASO DI INVASIONE

I fitofarmaci utilizzati nella lotta contro gli Acari dannosi, detti acaricidi e possono agire per contatto, per ingestione o per asfissia. Esistono anche formulati efficaci contro le uova.

QUANDO TRATTARE?

È importante intervenire il prima possibile, quando l’infestazione è ancora limitata, poiché si evitano ulteriori danni alla pianta e le possibilità di successo totale sono più elevate.

CON QUALI PRODOTTI?

Ai primi sintomi, o anche in prevenzione, l’intervento può risolversi benissimo con l’applicazione di prodotti a base oli naturali che agiscono formando una pellicola fisica che riveste ed elimina gli Acari e le uova per semplice asfissia. Come Biopolysect PFnPO.

Nelle situazioni più gravi è indispensabile l’utilizzo di acaricidi in grado di distribuirsi all’interno della pianta e di bloccare rapidamente l’attività del fitofago, come Cliner PFnPE.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi

Articoli recenti

Come coltivare la Salicornia

Se abbiamo un giardino al mare possiamo coltivare facilmente la Salicornia detta anche Asparago di…

22 Luglio 2022

Come coltivare il Rhodanthemum hosmariense in vaso: la Margherita marocchina

Coltivare il Rhodanthemum hosmariense in vaso sul terrazzo significa avere una lunghissima fioritura dalla primavera…

22 Luglio 2022

10 piante per un giardino al mare

Scegliere le piante per un giardino al mare richiede una certa attenzione poiché non tutte…

22 Luglio 2022

Come coltivare la Bardana maggiore – Arctium lappa

Possiamo coltivare la Bardana maggiore sia per motivi ornamentali sia per utilizzare le sue foglie…

22 Luglio 2022

Come coltivare la Xanthosoma

Se state cercando una pianta d’appartamento con foglie dall’effetto “wow” vi suggeriamo di coltivare la…

22 Luglio 2022

Come coltivare le Bletille: le Orchidee che vivono nella terra e all’esterno

Possiamo coltivare le Bletille se amiamo i fiori delle Orchidee ma desideriamo una pianta più…

22 Luglio 2022