skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

COME E QUANDO CONCIMARE IL PRATO

02 May 2017

10497

0
concimare il prato


Concimare il prato è un intervento di manutenzione molto importante perché l’erba esige nutrimento costante per rimanere densa e verde. I fertilizzanti apportati durante la preparazione del letto di semina, infatti, nutrono l’erba solo nella prima fase di sviluppo. Successivamente è necessario iniziare un programma annuale di manutenzione, che preveda prodotti a lenta cessione da somministrare nei mesi di marzo, giugno e settembre.

CONCIMARE IL PRATO: QUALI FERTILIZZANTI?

Il concime a lenta cessione viene rilasciato gradualmente alimentando le radici con continuità per circa 3-4 mesi. Nei prati all’inglese, che sono più esigenti, possiamo utilizzare un concime per prati a pronto effetto da aprile a luglio.

L’Azoto è l’elemento nutritivo principale: serve per l’accrescimento della pianta, l’allungamento del ciclo vitale e dona il colore verde intenso. In genere si utilizza l’Azoto nei concimi ternari completi, associato a Fosforo e Potassio: tali concimi riportano sulla confezione la sigla di questi tre elementi chimici, cioè NPK. Spesso questi concimi sono integrati con microelementi utili, come il Ferro, il Magnesio, lo Zinco e il Rame.

I concimi organici, cioè naturali e non di natura chimica, adatti al prato sono il letame, l’humus di lombrico, la cornunghia e il guano. Servono a integrare l’azione dei concimi chimici o li sostituiscono su un prato sano e un terreno già molto fertile. Il letame si può utilizzare sotto forma di stallatico secco, commercializzato in polvere o pellet. L’humus di lombrico, la cornunghia e il guano sono molto ricchi di azoto ma più costosi rispetto agli altri fertilizzanti.

 

LA DISTRIBUZIONE DEVE ESSERE OMOGENEA

Su prati medio-piccoli, si può concimare manualmente, camminando con passo continuo e costante per garantire uniformità, oppure possiamo utilizzare un carrello spandiconcime. Su superfici grandi è più conveniente utilizzare un trattorino o rider, agganciando lo spandiconcime. La distribuzione dev’essere uniforme per evitare di lasciare aree non concimate o punti bruciati da eccessi.

Dopo la concimazione è importante innaffiare il prato per favorire l’assorbimento dei nutrienti.

 

ARTICOLI CORRELATI

10 piante per un giardino al mare / Giardino e Prato

22 Jul 2022

90

0

Come coltivare la Salicornia / Giardino e Prato

22 Jul 2022

93

0

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 2 commenti
  1. Buon giorno desideravo un consiglio su come concimare o trattare le piante da frutta, olivi, limoni, rose. adesso nel loro risveglio. eventualmente dove trovare i prodotti adatti. P:S: ho i limoni ed un mandarino con la fumaggine come trattarli? grazie di cuore. resto in attesa di una vostra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin