skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

COME CONCIMARE LE PIANTE IN VASO

14 Apr 2015

18178

2
concimare le piante in vaso


Le piante coltivate in vaso hanno un maggior bisogno di elementi nutritivi rispetto alle piante coltivate in giardino, perché le radici si devono accontentare di una piccola porzione di terra, con risorse limitate e destinate ad esaurirsi nel tempo. Concimare le piante in vaso non è difficile ed è sufficiente scegliere la soluzione più adatta alle vostre esigenze.

Il primo consiglio, quando acquistate una piantina in un garden center, è di trapiantarla il più presto possibile in un vaso più grande, utilizzando un terriccio già ricco di sostanze nutritive, atte ad aiutare la pianta durante le prime settimane. La scelta di un buon substrato di coltivazione è il primo passo per ottenere successo nella coltivazione di qualsiasi pianta.

QUALE CONCIME?

La prima e importante distinzione è tra concimi organici, cioè di origine naturale, e concimi minerali, frutto dell’intervento umano.

I fertilizzanti organici e autorizzati in agricoltura biologica sono adatti per la concimazione delle piante da orto, da frutto e le aromatiche. Cioè tutto ciò che potrebbe passare per la nostra cucina.

I fertilizzanti minerali sono concepiti per la concimazione delle piante ornamentali e spesso hanno composizioni specifiche, come i concimi per le acidofile o quelli a base di ferro per combattere la clorosi di alcune piante.

IN QUALE FORMA?

I concimi normalmente sono disponibili in commercio in tre forme: liquidi, in polvere e a lenta cessione.

I concimi liquidi sono i più pratici da utilizzare ed è sufficiente aggiungere pochi millilitri di fertilizzante all’acqua per l’irrigazione, ogni 7 o 15 giorni, a seconda delle esigenze della pianta. I concimi liquidi sono subito disponibili per le radici e i risultati si vedono subito.

Alcuni concimi sono in polvere, da spargere sul terreno asciutto in prossimità delle radici, per poi procedere con l’irrigazione, in modo da far penetrare la polvere nel terreno.

Di ultima generazione, i concimi a lenta cessione si integrano nel terreno e tendono a sciogliersi nel tempo, rilasciando progressivamente le sostanze nutritive. In questo modo possono soddisfare le esigenze della pianta anche per 3 mesi. Se avete poco tempo e temete di dimenticarvi le concimazioni settimanali, i fertilizzanti a lenta cessione sono quello che fa per voi!

I concimi a lenta cessione sono composti da granuli, ma possono essere anche a forma di bastoncino, da infilare nel terreno.

Per i dosaggi seguite sempre le istruzioni indicate dai produttori: eccedere con il concime, specialmente quelli minerali, non serve a nulla e può essere letale per molti tipi di piante.

ARTICOLI CORRELATI

3 GERANI DA NON PERDERE / Casa e Terrazzo - Giardino e Prato

24 Feb 2015

10002

3

COME COLTIVARE LA ZAMIOCULCAS: PER CHI E' A CACCIA DI VERDE / Casa e Terrazzo

28 Dec 2014

18084

0

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin