skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

Come coltivare una Nertera: la pianta perfetta per il periodo natalizio

20 Nov 2020

127

0
coltivare la Nertera


Possiamo acquistare e coltivare una Nertera se vogliamo dare un tocco di colore alla casa e alla tavola durante il mese dicembre, grazie alle sue bacche arancioni brillanti.

La Nertera (Nertera granadensis) è una piccola piantina perenne con portamento tappezzante. Il suo stelo e le piccolissime foglioline si riempiono in estate di fiori color crema che da autunno fino a febbraio diventano delle piccole bacche arancioni.

Se viene coltivata in vaso tende a conquistare spazio creando un cuscino: quando sarà cresciuta può essere usata anche come pianta ricadente.

COLTIVARE UNA NERTERA: UNA PIANTA CON POCHE ESIGENZE

In Italia la Nertera viene coltivata principalmente in vaso poiché non resiste a temperature inferiori agli 8°C. Quindi in giardino può essere coltivata come pianta annuale. Se invece la coltiviamo in vaso, in inverno possiamo spostarla in casa, avendo cura di tenerla lontana da fonti di calore e spifferi diretti. Scegliamo una posizione ben illuminata ma senza i raggi diretti che potrebbero seccare le piccolissime foglioline. In estate potremo spostarla all’esterno, ma avendo cura di scegliere una posizione ombreggiata e non colpita dal sole diretto.

Possiamo utilizzare anche una ciotola o un vaso basso, poiché ha uno sviluppo radicale contenuto. Se vogliamo usarla come pianta ricadente, possiamo usare un contenitore alto e stretto. Dopo aver acquistato la piantina possiamo rinvasarla usando un terriccio per piante da fiore.

Le irrigazioni devono essere costanti e regolari nei mesi caldi, mentre in autunno e in inverno possiamo limitare gli interventi solo quando il terriccio risulta secco al tatto. Contrariamente alla maggior parte delle altre piante, la Nertera può essere irrigata nel sottovaso. È consigliato l’uso di acqua non calcarea: possiamo usare l’acqua piovana, oppure lasciar decantare una notte l’acqua del rubinetto in un annaffiatoio.

Se viene coltivata come pianta perenne, da aprile a settembre dobbiamo prevedere un programma di concimazione, diluendo ogni 15 giorni un fertilizzante liquido per piante da fiore nell’acqua per l’irrigazione.

ARTICOLI CORRELATI

Come scegliere le piante per Natale: non puntiamo solo sulla tradizione / Casa e Terrazzo

04 Dec 2018

983

0

Come coltivare la Nandina in giardino: il Bambù sacro per gli orientali / Giardino e Prato

11 Sep 2018

2312

0

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin