Giardino e Prato

Come coltivare la Ginestra: una pianta per gli amanti del giallo

Da secoli gli uomini amano coltivare la Ginestra (Genisteae) non solo per la bellezza dei suoi fiori gialli, che sbocciano tra maggio e agosto, ma anche per le fibre flessibili e resistenti del suo legno, simili a stoffe come juta, lino e canapa, che venivano usate per tessere vestiti o corde.

Cresciuta nel clima caldo e secco delle coste mediterranee, la Ginestra è una pianta rustica che ama ambienti caldi e soleggiati e le estati anche intense, ma riesce a resistere anche al freddo al di sotto di -15°C.

COLTIVARE LA GINESTRA: ATTENZIONE A NON ECCEDERE CON L’ACQUA

Il periodo ideale per la messa a dimora della Ginestra è esteso: tra l’autunno e l’inizio della primavera. Il tipo di terreno nel quale trapiantarla non è un fattore determinante: sebbene la Ginestra prediliga suoli alcalini, ricchi di calcio e calcare, può essere piantata con successo in qualsiasi giardino.

Il terreno ideale per coltivare la Ginestra dev’essere ben drenato. Se viene coltivata in vaso, è bene aggiungere sul fondo del contenitore delle biglie di argilla espansa per aumentare la capacità drenante del terreno.

Abituata a crescere in modo spontaneo in terreni poveri di sostanze nutrienti, la Ginestra non avrebbe bisogno di concimazioni. Ma se vogliamo ottenere delle fioriture vistosamente più importanti, è consigliabile prevedere un ciclo di concimazione durante il periodo della fioritura con un fertilizzante granulare a lenta cessione. Possiamo poi aiutare la pianta, specialmente quelle coltivate in vaso, con una concimazione alla fine dell’inverno per preparare la pianta alla primavera.

Le innaffiature per la Ginestra devono essere poche e parsimoniose. Se viene coltivata all’aperto, può essere sufficiente irrigare solo d’estate, durante periodi lunghi di siccità, e lasciare che nelle altre stagioni le piogge facciano il resto. Se coltivata in vaso, è bene innaffiarla con regolarità, ma soltanto quando il terreno è completamente asciutto.

ATTENZIONE: PIANTA VELENOSA

Alla fine del periodo della fioritura, è molto importante provvedere a una potatura vigorosa, per garantire alla pianta una crescita ordinata e una propria estetica.

Da pianta rustica, adatta a terreni rocciosi e ambienti difficili, la Ginestra non teme molte specie di malattie e parassiti. Qualche volta può subire gli attacchi di funghi come la Ruggine o di insetti come gli Afidi.

Se abbiamo in casa o nei nostri giardini animali domestici, dobbiamo porre un momento di attenzione in più per evitare che si avvicinino troppo alla pianta: i fiori e le foglie sono velenosi.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: ginestra

Articoli recenti

Come coltivare le piante acquatiche

Coltivare le piante acquatiche non è particolarmente difficile e possiamo farlo sia in giardino sia…

4 Ottobre 2022

Come coltivare il Cren, detto anche Rafano o Barbaforte

Coltivare il Cren è davvero facile e possiamo farlo anche in vaso sul terrazzo! La…

30 Settembre 2022

Come coltivare i bulbi autunnali in giardino e in vaso sul terrazzo

In questi mesi non perdiamo l’occasione di coltivare i bulbi autunnali da fiore: sarà sufficiente…

27 Settembre 2022

10 piante che fioriscono in autunno

State cercando delle piante che fioriscono in autunno? Anche se le temperature si abbassano non…

23 Settembre 2022

Come coltivare il Cucamelon, il Cetriolo messicano

Se state cercando degli ortaggi originali vi suggeriamo di coltivare il Cucamelon. Produce infatti un…

20 Settembre 2022

Come coltivare il Mirtifoglio: la Polygala myrtifolia

Possiamo coltivare il Mirtifoglio in giardino sia per formare siepi sia come esemplare singolo, potato…

16 Settembre 2022