Orto e Frutteto

Come coltivare il Pesco in vaso sul terrazzo

Se non abbiamo la fortuna di possedere un giardino possiamo coltivare il Pesco anche in vaso. Naturalmente sceglieremo una varietà nana che non crescerà più di 150 cm, contrariamente ai Peschi coltivati in giardino che possono toccare gli 8 metri.

Il Pesco (Prunus persica) è molto amato anche come pianta ornamentale, per le sue generose fioriture rosa che sbocciano sulla pianta ancora spoglia all’inizio della primavera.

I frutti maturano dai primi di giugno a fine settembre, a seconda delle varietà. Nei centri giardinaggio possiamo trovare un’ampia gamma di Peschi, spesso con le relative versioni nane. Possiamo dividere le Pesche in quattro grandi gruppi: a pasta gialla, a pasta bianca, nettarine (o Pesche noci) e Percocche. Queste ultime sono particolarmente utilizzate per la produzione di succhi e marmellate per il colore limpido e stabile nel tempo.

Dove coltivare il Pesco

Scegliamo una posizione soleggiata per stimolare la fioritura e la fruttificazione. Evitiamo i luoghi troppo esposti al vento.

Proprio perché fiorisce molto presto è una pianta esposta alle gelate tardive. Se dovesse succedere ne risentirà la produzione dei frutti.

Come coltivare un Pesco in vaso

Scegliamo un vaso molto ampio e profondo, di almeno 50x50x50 cm. Lo sviluppo della parte aerea sarà simile a quello delle radici: più il vaso è grande e più crescerà la pianta.

Prima del trapianto, stendiamo sul fondo del contenitore uno strato di 10 cm di biglie di argilla espansa. Serve per migliorare il drenaggio dell’acqua in eccesso: un punto debole del Pesco.

Riempiamo il vaso con un terriccio per piante edibili. Il substrato deve essere morbido e poroso; vanno evitati i terreni argillosi. Lasciamo uno spazio di almeno 5 cm sopra la zolla: ci servirà per ospitare la pacciamatura invernale.

Per assicurare il giusto apporto di sostanze nutritive possiamo ricorrere a un fertilizzante granulare a lenta cessione biologico, da interrare leggermente in varie parti del vaso. Saranno sufficiente 4 applicazioni all’anno, per esempio all’inizio di ogni stagione.

Avendo un vaso già grande non lo travaseremo. Ogni due anni sostituiamo la parte superficiale del terriccio e sostituiamola con un nuovo substrato biologico.

Come irrigare il Pesco

Il Pesco nano coltivato in vaso va irrigato regolarmente in primavera e in estate, avendo cura a non eccedere e non lasciare ristagni nel sottovaso. Indicativamente va bagnato una volta alla settimana in primavera e in estate, ma dipende dalle dimensioni del vaso, dalle temperature esterne, dal vento, ecc.

In inverno ridurremo le irrigazioni e bagneremo una volta al mese, solo se necessario. Comunque non dovremo far seccare il terriccio.

Come potare il Pesco

La potatura si effettua in inverno quando la pianta è in riposo vegetativo e non ha prodotto le gemme. Tagliamo i rami secchi e danneggiati.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: pesco

Articoli recenti

Come coltivare gli Astri o Aster

Per avere tanti bei fiori dalla fine dell’estate fino al tardo autunno, possiamo coltivare gli…

27 Maggio 2022

Come coltivare la Phlomis o Flomide

Gli appassionati amano coltivare la Phlomis per le sue belle fioriture di color giallo oro…

26 Maggio 2022

Come coltivare l’Aneto in vaso e in giardino

Coltivare l’Aneto è facile e offre grandi soddisfazioni. Non solo per le foglie aromatiche simili…

23 Maggio 2022

Come coltivare la Fatsia japonica o Aralia in giardino e in casa

La Fatsia japonica è un bellissimo arbusto sempreverde che possiamo coltivare sia in casa come…

20 Maggio 2022

Irrigare le piante da appartamento: come, quando e perché bagnare

Il compito di irrigare le piante da appartamento è particolarmente importante per uno sviluppo corretto…

17 Maggio 2022

Come coltivare il Mais ornamentale o da pop corn!

Possiamo scegliere di coltivare il Mais sia per motivi ornamentali scegliendo le varietà multicolori, sia…

13 Maggio 2022