Orto e Frutteto

Come coltivare il Coriandolo

Il Coriandolo (Coriandrum sativum), detto anche Prezzemolo cinese, è una pianta erbacea annuale Ombrellifera. Appartiene quindi alla stessa famiglia del Prezzemolo insieme a Cumino, Aneto e Finocchio.

Raggiunge un’altezza di 40/60 cm e le foglie sono composte e ricordano quelle del Prezzemolo. Se sfregate rilasciano un piacere aroma. Le infiorescenze a ombrella si usano in cosmetica per la produzione di creme, saponi e profumi. Foglie e semi su usano anche in cucina come spezia per aromatizzare i piatti. Le foglie fresche sono molto aromatiche ma hanno un retrogusto amaro e non a tutti piacciono.

Dove coltivare il Coriandolo

Scegliamo una posizione soleggiata. Teme le gelate tardive. In caso di coltivazione in vaso, spostiamo la pianta all’aperto quando le temperature minime saranno saldamente lontane dagli 0°C.

Come seminare il Coriandolo

Il Coriandolo si semina all’aperto da aprile a giugno. Benché sia una pianta poco esigente è bene preparare il letto di semina con cura. Lavoriamo il terreno con zappa e rastrello per rendere il terreno soffice e togliamo sassi e radici di altre piante. In questa fase possiamo incorporare nel suolo un fertilizzante naturale, come lo stallatico pelletato, o un concime granulare a lenta cessione consentito in agricoltura biologica.

Se in questa fase irrighiamo l’aiuola, stimoleremo la crescita delle piante infestanti. Così sarà più facile individuarle ed estirparle e ci eviteremo interventi di sarchiatura molto faticosi in seguito. Mentre irrighiamo l’aiuola verifichiamo che l’acqua defluisca rapidamente e non si formino pozze. Il Coriandolo non ama i ristagni d’acqua.

All’atto della semina o del trapianto, manteniamo una distanza di circa 20 cm tra ogni piantina e di 40 cm tra le file. Il seme va posto a una profondità di circa 2 cm e ricoperto con un velo di terra.

Se coltiviamo il Coriandolo in vaso, stendiamo sul fondo del vaso uno strato di biglie di argilla espansa per migliorare il drenaggio e utilizziamo un terriccio per ortaggi ed erbe aromatiche.

Come irrigare il Coriandolo

Nelle settimane successiva alla semina o al trapianto dovremo fare in modo che il substrato di coltivazione sia sempre umido, per mettere le piantine in condizione di svilupparsi velocemente.

Una volta sviluppata la pianta dovremo prevedere irrigazione periodiche per la coltivazione in vaso. In giardino il Coriandolo si accontenta delle piogge: irrigheremo in caso di lunghi periodi di siccità e in estate.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: Coriandolo

Articoli recenti

Come coltivare gli Astri o Aster

Per avere tanti bei fiori dalla fine dell’estate fino al tardo autunno, possiamo coltivare gli…

27 Maggio 2022

Come coltivare la Phlomis o Flomide

Gli appassionati amano coltivare la Phlomis per le sue belle fioriture di color giallo oro…

26 Maggio 2022

Come coltivare l’Aneto in vaso e in giardino

Coltivare l’Aneto è facile e offre grandi soddisfazioni. Non solo per le foglie aromatiche simili…

23 Maggio 2022

Come coltivare la Fatsia japonica o Aralia in giardino e in casa

La Fatsia japonica è un bellissimo arbusto sempreverde che possiamo coltivare sia in casa come…

20 Maggio 2022

Irrigare le piante da appartamento: come, quando e perché bagnare

Il compito di irrigare le piante da appartamento è particolarmente importante per uno sviluppo corretto…

17 Maggio 2022

Come coltivare il Mais ornamentale o da pop corn!

Possiamo scegliere di coltivare il Mais sia per motivi ornamentali scegliendo le varietà multicolori, sia…

13 Maggio 2022