skip to Main Content

EVERGREEN MEDITERRANEO PLUS /

Fuori di news

< Torna alla ricerca

Come coltivare i Gladioli: belli anche in vaso

15 Oct 2019

112

0
coltivare i gladioli


Coltivare i Gladioli ci permetterà di avere tante fioriture da giugno fino alla fine dell’estate. Le loro spighe di fiori dai larghi petali frastagliati hanno colori tenui che, a seconda della varietà, possono essere bianchi, giallo oro, lilla, azzurri o blu.

I Gladioli sono una pianta originaria del nostro Mediterraneo e dell’Africa, una delle più rinomate per la bellezza dei fiori che offrono al nostro giardino alla fine dell’estate, tanto da venire spesso coltivata intensivamente per rivenderli.

Coltivare i Gladioli: amano il caldo

Abituato a regioni calde con ambienti miti, tanto da crescere spontanea sulle coste del nostro Mezzogiorno, il Gladiolo ama ambienti molto soleggiati: più esposta sarà la pianta al sole, più possibilità ci saranno di vedere spighe piene di fiori.

Solitamente i bulbi del Gladiolo vengono messi a dimora alla fine dei mesi freddi, tra marzo e aprile, per evitare alla pianta di soffrire di gelate e bruschi cambi di temperatura. Soprattutto per proteggerla da venti intensi che possono turbare le lunghe foglie. Solo nelle nostre regioni nelle quali l’inverno è particolarmente mite è possibile lasciare i bulbi interrati anche d’inverno.

È consigliabile piantare i bulbi a distanza di intervalli di 2 settimane: in questo modo avremo una fioritura più lunga nel corso delle stagioni. Smettiamo di piantarli a giugno, per dare il tempo alle piante di crescere e fiorire.

Al momento della messa a dimora dei Gladioli, è bene ricordare di lasciare almeno 15-20 cm di distanza tra una piantina e l’altra, per evitare che crescano troppo vicine.

Il Gladiolo non ha particolari esigenze di terreno. Può essere piantato in un terriccio specifico per piante fiorite purché sia fertile e ben drenato.

La coltivazione in vaso

Questo tipo di pianta cresce molto meglio se interrata in un giardino, ma può crescere anche in vaso, avendo premura di aggiungere un fondo di argilla espansa alla base del contenitore e di rinvasare ogni quattro o cinque anni.

Dopo aver aggiunto al terriccio un’abbondante dose di fertilizzante granulare a lenta cessione al momento della messa a dimora, se viene coltivato in vaso il Gladiolo va concimato ogni 15 giorni, nel periodo precedente alla fioritura, con un concime liquido per piante fiorite.

Bagnato ma non troppo

Dalla messa a dimora fino ai giorni più caldi dell’estate, il Gladiolo va innaffiato regolarmente, ogni settimana o, quando necessario, ogni due o tre giorni, per mantenere il terriccio costantemente umido. Non va comunque dimenticato di innaffiare con misura sufficiente a non creare ristagni d’acqua, che possono favorire marciumi radicali particolarmente pericolosi per le piante bulbose.

Il Gladiolo, infatti, oltre ad essere un bersaglio favorito della mosca dei bulbi (Eumerus tuberculatus), può soffrire anche degli attacchi di diverse malattie fungine, come la Ruggine, che prosperano in ambienti umidi.

Recuperiamo i bulbilli se gela

Alla fine della fioritura, il Gladiolo va ripulito delle foglie secche e dei fiori appassiti. Alla sua base, dopo un ciclo di crescita e fioritura, è possibile trovare dei bulbilli. Asciugateli bene, puliteli e conservateli in un luogo buio, fresco e asciutto (quindi non in un sacchetto di plastica) in inverno: potranno essere trapiantati e crescere l’anno successivo.

ARTICOLI CORRELATI

Benvenuto autunno: è ora di piantare i bulbi / Giardino e Prato

24 Sep 2019

186

0

Come coltivare la Fritillaria: una bulbosa spettacolare / Casa e Terrazzo

04 Jul 2019

351

0

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Facebook Twitter Instagram Linkedin