Orto e Frutteto

Come coltivare i Cavoli di Bruxelles

Coltivare i Cavoli di Bruxelles è facile e ci permette di ottenere raccolti fino a dicembre!

I Cavoli di Bruxelles (Brassica oleracea var. gemmifera) sono una varietà di Cavoli, molto apprezzata per i suoi germogli che conosciamo con il nome di Cavolini o Cavoletti di Bruxelles. Della pianta si mangiano infatti soltanto i germogli costituiti da foglioline intrecciate: hanno una forma rotonda e crescono alla base delle foglie principali.

Dove coltivare i Cavoli di Bruxelles

I Cavoli di Bruxelles non amano il caldo intenso, mentre tollerano il freddo fino a 8°C. Scegliamo una posizione soleggiata, specialmente se abitiamo nelle regioni del nord Italia.

Come seminare i Cavoli di Bruxelles

I Cavoli di Bruxelles si seminano da aprile a luglio, quando le temperature minime superano stabilmente i 10°C. I germogli si potranno raccogliere dopo circa 4 mesi, quindi la raccolta si può effettuare da settembre a dicembre, in funzione del periodo di semina e della fascia climatica.

Inoltre per poter disporre dei Cavoli di Bruxelles per un periodo più lungo possiamo anche puntare su varietà tardive che si raccolgono fino a dicembre, gelate permettendo, o quelle precoci già pronte a settembre. Ci sono anche varietà nane, ottime per la coltivazione in vaso.

Prima della semina dovremo preparare il letto di semina. Si tratta di rendere soffice e morbido il terreno dell’aiuola che ospiterà i semi. Rompiamo le zolle di terra più dure, togliamo sassi e parti di erbacce e livelliamo il terreno con un rastrello. In questa fase integriamo nel letto di semina un fertilizzante naturale, come lo stallatico pellettato o un concime granulare per orto.

Tracciamo le file in cui andremo a effettuare la semina, mantenendo una distanza di circa 70 cm tra le file e di 50 cm tra ogni piantine.

Come irrigare i Cavoli di Bruxelles

Dopo la semina dovremo mantenere umido il terriccio per stimolare lo sviluppo delle piantine. L’irrigazione deve essere regolare, specialmente durante i mesi siccitosi. Prestiamo sempre attenzione ai ristagni d’acqua che stimolano lo sviluppo di pericolose malattie fungine.

Quando si raccolgono

Dopo circa 4 mesi dalla semina i germogli dovrebbero essere pronti per la raccolta. Poiché si sviluppano prima i germogli più in basso, iniziamo da lì la raccolta per poi salire progressivamente.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: cavoli

Articoli recenti

Come coltivare il Pennisetum: le graminacee in giardino

Se stiamo cercando delle piante per il giardino che non richiedono grandi cure possiamo coltivare…

24 Giugno 2022

Piante per un terrazzo in montagna: 40 varietà tra cui scegliere

Scegliere correttamente le piante per un terrazzo in montagna è importante poiché non tutte le…

23 Giugno 2022

Come coltivare il Dragoncello

Se siamo amanti delle erbe aromatiche non possiamo non coltivare il Dragoncello! Il Dragoncello (Artemisia…

21 Giugno 2022

Come coltivare i Papaveri e riconoscere la varietà

Se non avete mai provato a coltivare i Papaveri dovrete provarci! Rimarrete stupiti nel vedere…

17 Giugno 2022

Rimedi naturali per eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee

Eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee in modo tempestivo è importante, poiché questo insetto si riproduce…

14 Giugno 2022

Come eliminare le erbacce in giardino: diserbanti, erbicidi e tecniche di coltivazione

Quella di eliminare le erbacce in giardino, specialmente dal tappeto erboso, è un compito che…

9 Giugno 2022