Giardino e Prato

Come coltivare gli Astri o Aster

Per avere tanti bei fiori dalla fine dell’estate fino al tardo autunno, possiamo coltivare gli Astri per donare colore in un periodo dell’anno povero di fioriture.

L’Astro (Aster) è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Asteracee. Possiamo scegliere fra tantissime varietà e ibridi con fioriture anche molto differenti fra loro: i fiori possono essere semplici, doppi, a pompon o a piuma di struzzo mentre le piante sono disponibili nelle varietà giganti e nane, più adatte alla coltivazione in vaso. Anche la tavolozza di colori è molto ampia.

Sono anche alleati importanti per la biodiversità. Gli Astri sono amati dalle api e dalle farfalle, che a settembre trovano poche fioriture a disposizione prima del riposo invernale.

Dove coltivare gli Astri

Possiamo coltivare gli Astri sia nelle aiuole e nelle bordure del giardino, magari sfruttando le differenti altezze degli steli, sia in vaso sul balcone. Tollerano il freddo e crescono spontaneamente anche sulle Alpi. Evitiamo di coltivarli all’interno dell’appartamento.

Scegliamo una posizione soleggiata dove fiorirà più generosamente. Ma cresce bene anche in mezz’ombra.

Come coltivare gli Astri

Possiamo coltivare gli Astri partendo dai semi o acquistando le piantine già cresciute a settembre.

La semina si effettua tra marzo e maggio per ottenere fioriture da giugno a ottobre. Il trapianto delle piantine invece si effettua generalmente a settembre, quando i centri giardinaggio iniziano a offrire gli Astri. Detti anche “settembrini” proprio in funzione del periodo di vendita.

Come seminare gli Astri

In giardino dovremo preparare il letto di semina della aiuola. Rendiamo soffice il terriccio lavorandolo con zappa e rastrello. Togliamo le pietre, rompiamo le zolle più coriacee ed eliminiamo ogni parte organica di erba infestanti. Approfittiamo dell’occasione per integrare nel terreno una dose di fertilizzante organico, come lo stallatico pellettato, o un fertilizzante granulare a lenta cessione per arbusti da fiore.

In caso di coltivazione in vaso, stendiamo sul fondo uno strato di biglie di argilla espansa per migliorare il drenaggio e riempiamo con un terriccio per piante da fiore.

Come trapiantare gli Astri

Se acquistiamo le piantine già cresciute a settembre dovremo effettuare il trapianto rapidamente. Seguiamo lo stesso procedimento della semina, con la differenza che dovremo realizzare delle buche d’impianto, nelle quali inseriremo i concimi. Anche in questo caso manteniamo una distanza di circa 25 cm tra ogni buca.

Come coltivare gli Astri in vaso

Per la coltivazione in vaso è meglio optare per ibridi nani. Poiché le sostanze nutritive contenute nel terriccio sono destinate a esaurirsi, dovremo prevedere un programma di concimazione. Possiamo usare un fertilizzante liquido per piante da fiore da diluire nell’acqua per l’irrigazione, ogni 15 giorni da marzo fino a settembre. In alternativa possiamo usare un concime in bastoncino che rilascia le sostanze nutritive per 8 settimane.

Se gli Aster coltivati in vaso non fioriscono dobbiamo cercare la causa in una posizione poco luminosa e nella mancanza di concimazione.

Come irrigare gli Astri

Dopo la semina e il trapianto dovremo fornire acqua in modo regolare finché le piantine non saranno germogliate.

Gli Astri coltivati all’aperto hanno minori esigenze e possono approfittare delle piogge. Dovremo intervenire in caso di lunghi periodi di siccità e in particolare in estate, per evitare i pericoli colpi di caldo e siccità non amati dagli Astri. Se la pianta si affloscia in agosto o settembre, irrigatela e spostatela all’ombra.

Gli Astri coltivati in vaso invece dovranno essere irrigati regolarmente per evitare che il terriccio si secchi. Evitiamo di lasciare ristagni di acqua in eccesso nei sottovasi, poiché le malattie fungine, come l’Oidio, non sono rare con queste piante. L’Oidio o Mal Bianco è una patina bianca che si forma sulle foglie a causa di una eccessiva umidità e una scarsa ventilazione. Leggi questa notizia per scoprire come eliminare l’Oidio dagli Astri.

Se possibile, usiamo acqua a temperatura ambiente e non gelida.

Come tagliare gli Astri

Gli Astri fioriti possono essere recisi per creare dei mazzi da portare in casa e conservare in acqua.

In ogni caso è sempre bene togliere i fiori appassiti per stimolare la pianta a produrne nuovi.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: Astro

Articoli recenti

Come coltivare il Pennisetum: le graminacee in giardino

Se stiamo cercando delle piante per il giardino che non richiedono grandi cure possiamo coltivare…

24 Giugno 2022

Piante per un terrazzo in montagna: 40 varietà tra cui scegliere

Scegliere correttamente le piante per un terrazzo in montagna è importante poiché non tutte le…

23 Giugno 2022

Come coltivare il Dragoncello

Se siamo amanti delle erbe aromatiche non possiamo non coltivare il Dragoncello! Il Dragoncello (Artemisia…

21 Giugno 2022

Come coltivare i Papaveri e riconoscere la varietà

Se non avete mai provato a coltivare i Papaveri dovrete provarci! Rimarrete stupiti nel vedere…

17 Giugno 2022

Rimedi naturali per eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee

Eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee in modo tempestivo è importante, poiché questo insetto si riproduce…

14 Giugno 2022

Come coltivare i Cavoli di Bruxelles

Coltivare i Cavoli di Bruxelles è facile e ci permette di ottenere raccolti fino a…

10 Giugno 2022