Categorie: Casa e Terrazzo

COLTIVARE LA SKIMMIA: COLORI ANCHE IN INVERNO!

Coltivare la Skimmia japonica in inverno è un’ottima soluzione per riempire di colori il nostro terrazzo: durante la stagione fredda infatti i suoi fiorellini bianchi diventano bacche colorate sui toni del rosso.

La Skimmia japonica è un arbusto sempreverde della famiglia delle Rutacee e le sue caratteristiche peculiari la rendono facile da coltivare in ogni periodo dell’anno. La sua eleganza semplice e modesta richiama l’estetica essenziale di quel Giappone di cui la pianta è originaria: le foglie lucide e brillanti cingono dei piccoli fiori a forma di stella bianchi o rosacei, che maturano a tarda primavera in pannocchie di bacche tonde rosse o violette, che possono durare fino all’autunno. Le sue dimensioni sono modeste: dai 50 ai 90 cm di altezza, fino ad arrivare ad un massimo di un metro e mezzo.

COLTIVARE LA SKIMMIA: ATTENZIONE AI RISTAGNI D’ACQUA

È una pianta molto versatile: può essere coltivata sia in vaso sia in giardino e sopporta diversi tipi di clima, dal mediterraneo al sub-tropicale a quello urbano. Trattandosi di una pianta acidofila, dev’essere coltivata in terreni acidi, particolarmente ricchi di concime organico. La fertilizzazione è molto importante ed è consigliabile l’uso di un concime liquido per piante acidofile da diluire nell’acqua per l’irrigazione: ogni due settimane in primavera e in estate e una volta al mese in autunno e inverno. In caso di coltivazione in giardino possiamo utilizzare un fertilizzante granulare a lenta cessione: va interrato leggermente nel suolo, quattro volte all’anno all’inizio di ogni stagione.

Può crescere in ambienti soleggiati, ma predilige zone in mezz’ombra. Tollera bene il freddo e l’inquinamento delle zone urbane.

La Skimmia japonica va annaffiata regolarmente, preferibilmente sperando in un clima piovoso poiché predilige l’acqua piovana. Se si usa l’acqua del rubinetto, è bene sapere che l’eccessiva presenza di calcare può indebolire il fogliame. Per eliminare il calcare possiamo lasciare decantare l’acqua in un secchio durante la notte. È anche necessario dosare con prudenza la quantità di acqua: la Skimmia teme i ristagni d’acqua che possono provocare marciumi radicali.

Se la si coltiva in esterno, bisogna fare attenzione alle infestazioni di Afidi, ghiotti delle foglie e per questo acerrimi nemici degli arbusti. Un altro parassita pericoloso è la Cocciniglia, che si attacca sia alle foglie sia ai rami e che può essere debellata con un insetticida specifico per piante ornamentali.

Durante la crescita, la Skimmia Japonica forma dei cespugli rotondi molto ordinati, quindi non necessita di particolari potature, a eccezione di quelle estetiche per accorciare i rami che eventualmente crescono in modo irregolare.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: skimmia

Articoli recenti

Come coltivare il Pennisetum: le graminacee in giardino

Se stiamo cercando delle piante per il giardino che non richiedono grandi cure possiamo coltivare…

24 Giugno 2022

Piante per un terrazzo in montagna: 40 varietà tra cui scegliere

Scegliere correttamente le piante per un terrazzo in montagna è importante poiché non tutte le…

23 Giugno 2022

Come coltivare il Dragoncello

Se siamo amanti delle erbe aromatiche non possiamo non coltivare il Dragoncello! Il Dragoncello (Artemisia…

21 Giugno 2022

Come coltivare i Papaveri e riconoscere la varietà

Se non avete mai provato a coltivare i Papaveri dovrete provarci! Rimarrete stupiti nel vedere…

17 Giugno 2022

Rimedi naturali per eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee

Eliminare le Cocciniglie dalle Orchidee in modo tempestivo è importante, poiché questo insetto si riproduce…

14 Giugno 2022

Come coltivare i Cavoli di Bruxelles

Coltivare i Cavoli di Bruxelles è facile e ci permette di ottenere raccolti fino a…

10 Giugno 2022