skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

ALEUROCANTHUS SPINIFERUS: COME ELIMINARLO

18 Jul 2017

5541

0
Aleurocanthus spiniferus


Aleurocanthus spiniferus è il nome di un insetto tropicale di nuova introduzione in Italia, che attacca gli Agrumi, la Vite, il Melo, il Pero e numerose piante ornamentali come la Piracanta (Pyracantha), l’Edera e la Rosa.

A prima vista sembra una Cocciniglia ma è un Aleurodide polifago: attacca di preferenza le piante più rigogliose, i polloni e gli apici vegetativi, imbrattando le foglie e i frutti con una sostanza zuccherina e appiccicosa, detta melata. Oltre al danno causato degli insetti, anche la melata rappresenta un problema, perché stimola lo sviluppo di funghi della fumaggine.

Succhiando la linfa, l’Aleurocanthus spiniferus causa la caduta anticipata delle foglie, il disseccamento delle parti infestate e, nei casi più gravi, la morte della pianta colpita.

ALEUROCANTHUS SPINIFERUS: COME PREVENIRE E RISOLVERE IL PROBLEMA

Anzitutto impariamo a riconoscere questo nuvo insetto. Le neanidi o forme giovanili dell’insetto infestano essenzialmente la pagina inferiore delle foglie. Si nutrono per tutto il ciclo vitale a spese della pianta sottraendo la linfa dai tessuti vegetali.

Il numero delle generazioni annuali è variabile in funzione dell’andamento climatico e in genere si hanno da 3 a 5 generazioni in un anno.

In inverno rimane allo stadio di neanide: un corpuscolo nero di forma ellittica (max 1,2 x 0,75 mm) circondato da un anello di cera bianca.

Il momento di maggiore vulnerabilità della Aleurocanthus spiniferus è quello di Neiade mobile e possiamo intervenire con un insetticida specifico.

Per prevenire il problema e in presenza di piante già colpite in precedenza, è bene operare delle potature preventive, con lo scopo di consentire un’areazione ottimale della chioma.

È importante bruciare o distruggere i residui di potatura delle parti danneggiate, poiché l’insetto potrebbe continuare a diffondersi. È consigliabile anche spazzolare gli indumenti utilizzati per la potatura, poiché possono diventare veicolo di infezione.

ARTICOLI CORRELATI

IL RAGNETTO ROSSO DEGLI AGRUMI: COME FARE / Orto e Frutteto

11 Mar 2015

7882

0

COME CURARE IL LIMONE / Orto e Frutteto

27 Dec 2014

4069

0

MAL DELL’ESCA DELLA VITE / Giardino e Prato-Orto e Frutteto

Aleurocanthus spiniferus è il nome di un insetto tropicale di nu...

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 9 commenti
  1. Sto curando 3 alberi di agrumi in particolare 2 limoni e 1 pompelmo dalla malattia (aleurocanthus spiniferus): ho già fatto 1 trattamento 4 giorni fa spero di riuscire a risolvere il problema.

    1. Buonasera ho due limoni in vaso con aleurocanthus spiniferus prima di passare l’insetticida epik devo rimuovere dalle foglie gli insetti?
      Grazie

      1. Buongiorno. Si, è sempre consigliabile, specialmente in caso di invasioni importanti. Per eliminare la melata si può aiutare con un Sapone Molle. Le raccomandiamo di non gettare nel compostatore i residui di potature delle parti danneggiate: vanno bruciati o comunque allontanati dal giardino perchè l’insetto potrebbe continuare a diffondersi. È consigliabile anche spazzolare gli indumenti utilizzati, poiché possono diventare veicolo di infezione. Buon verde!

    1. Buongiorno le consigliamo di trattare con Epik in aggiunta ad Applaud che agisce su tutti gli stadi. Può programmare 3 trattamenti a distanza di 10 giorni con Applaud e terminare con un trattamento con Epik. Per le piante orticole usi solo Epik, poichè Applaud è indicato solo per piante floreali e ornamentali. Se segue i link trova le istruzioni per l’uso e le informazioni di sicurezza. Buon verde!

  2. salve dovrei fare un trattamento per la fummagine, va bene il sapone di marsiglia? e in che periodo dell’anno va fatto?

    1. Buongiorno, contro la fumaggine può usare un Sapone Molle. E’ un prodotto naturale e può essere usato tutto l’anno, quando se ne ha bisogno o come prevenzione. Non va usato però su piante sensibili agli oli, cioè le piante da fiore e dal fogliame delicato come Crisantemo, Stella di Natale, Primula, Coleo, Orchidee o Cactacee. Eviti di trattare in pieno sole: quindi meglio alla mattina presto o alla sera. Inoltre non si applica su piante stressate dalla siccità, nè direttamente sui fiori. A questo link può trovare un articolo dedicato a questo tema.
      Vedo che parla di “sapone di Marsiglia”: attenzione a non utilizare i prodotti destinati alla pulizia dei tessuti che può trovare nei supermercati perchè non sono adatti per le piante. E’ vero che i nostri avi diluivano il sapone di Marsiglia in acqua per ottenere una soluzione adatta per proteggere le piante, ma allora avevano solo prodotti naturali a base di olio di oliva e alloro. Il sapone di Marsiglia che troviamo oggi nei supermercati contiene altri additivi: dovrebbe acquistare un sapone di Marsiglia con certificazione biologica ma le costerebbe molto di più di un Sapone Molle realizzato appositamente per la cura delle piante. Il nostro Sapone Molle, per esempio, è ottenuto dalla saponificazione dell’olio di oliva. Buon verde!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin