3 GERANI DA NON PERDERE

I Gerani sono le piante più amate e vendute in Italia, apprezzate per la lunga fioritura e la bassa manutenzione. È infatti una pianta “facile”, decorativa e davvero poco esigente, che dalla primavera all’autunno regala fioriture abbondanti nei toni del bianco, rosa, rosso e arancio.

Impariamo a riconoscere i 3 tipi di Gerani più conosciuti!

I GERANI ZONALI

Il Geranio zonale (Pelargonium zonale) ha un portamento cespuglioso, con foglie tondeggianti verde chiaro zonate di bronzo o marrone (da cui prende il nome). Esistono numerosi ibridi con caratteristiche differenti: “Belvedere” ha i fiori rosa malva, “Cleopatra” è rosa delicato, “Gustav Emich” ha fiori semidoppi rosso vermiglio, “Hermione” ha fiori doppi bianchi. Non mancano anche le varietà in miniatura, tra 15 e 30 cm.

I GERANI RICADENTI

Il Pelargonium peltatum, meglio noto come Geranio ricadente, Geranio edera o Parigino è molto amato per le due doti decorative: il portamento ricadente crea ricche cascate fiorite da maggio a ottobre, in tanti colori (bianco, rosa, rosso, lilla, bicolori, ecc.). Ha fusti lunghi anche fino a 2 metri, con foglie simili all’Edera e fiori riuniti in ombrelle. Per la sua fioritura caratteristica si coltiva in cassette sul balcone.

IL GERANIO IMPERIALE

Il Geranio Imperiale (Pelargonium grandiflorum) o Macranta (dal greco “grande fiore”) ha fiori molto grandi, con centro scuro, sui toni del bianco, rosa, rosso, porpora e marrone. Le foglie sono diverse dal Geranio Zonale: sono solcate da visibili nervature e dentellate ai margini.

COME COLTIVARE I GERANI

Normalmente in Italia i Gerani si coltivano in vasi, posizionati in pieno sole. Non amano temperature superiori ai 25°C ed è bene posizionarli in estate in un luogo ben areato. Tutte le varietà temono il freddo, chi più chi meno, perciò in autunno vanno ricoverate in serra.

Innaffiare frequentemente e generosamente per tutta l’estate, stando attenti ad evitare i ristagni idrici. La mancanza di irrigazione causa scarse fioriture. Nei mesi più freddi diradare le annaffiature, evitando però che il terriccio si asciughi completamente.

Per ottenere migliori fioriture, da aprile a settembre fertilizzare ogni 15 giorni con un concime liquido per gerani o per piante fiorite da diluire nell’acqua per irrigazione. Al termine della fioritura, in autunno, la concimazione va sospesa. Eliminare i fiori appassiti aiuta a stimolare nuove fioriture.

Dopo aver protetto le piante in serra in inverno, all’inizio della primavera possiamo rinvasare i Gerani in contenitori più grandi, con un terriccio per piante fiorite.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi

Articoli recenti

Come coltivare le piante acquatiche

Coltivare le piante acquatiche non è particolarmente difficile e possiamo farlo sia in giardino sia…

4 Ottobre 2022

Come coltivare il Cren, detto anche Rafano o Barbaforte

Coltivare il Cren è davvero facile e possiamo farlo anche in vaso sul terrazzo! La…

30 Settembre 2022

Come coltivare i bulbi autunnali in giardino e in vaso sul terrazzo

In questi mesi non perdiamo l’occasione di coltivare i bulbi autunnali da fiore: sarà sufficiente…

27 Settembre 2022

10 piante che fioriscono in autunno

State cercando delle piante che fioriscono in autunno? Anche se le temperature si abbassano non…

23 Settembre 2022

Come coltivare il Cucamelon, il Cetriolo messicano

Se state cercando degli ortaggi originali vi suggeriamo di coltivare il Cucamelon. Produce infatti un…

20 Settembre 2022

Come coltivare il Mirtifoglio: la Polygala myrtifolia

Possiamo coltivare il Mirtifoglio in giardino sia per formare siepi sia come esemplare singolo, potato…

16 Settembre 2022