Casa e Terrazzo

Come coltivare una Masdevallia: una Orchidea fuori dal comune

Coltivare una Masdevallia non è difficile e ci ripagherà con una fioritura fuori dal comune. Appartiene alla famiglia delle Orchidee e conta centinaia di specie e ibridi. Come la Masdevallia veitchiana con fiori rossi (nella foto), la Masdevallia coccinea con fiori bianchi o la Masdevallia maculata con infiorescenze arancioni: tutte contraddistinte da fiori appariscenti composti da tre petali con punte molto lunghe e protese. Anche le foglie sono molto decorative: sono lunghe, strette e carnose.

Nella maggior parte dei casi si tratta di piante epifite: come le classiche Orchidee, si tratta quindi di piante con radici carnose che non vivono sottoterra. Provengono dalle foreste tropicali del centro America, dove queste piccole piante crescono aggrappate alle radici dei grandi alberi.

Dove coltivare la Masdevallia

Alcune varietà tollerano il freddo ma nella maggior parte dei casi crescono bene al caldo, con temperature minime superiori ai 10°C. Le nostre case sono l’habitat ideale. Anche in estate è meglio tenerla in casa: un clima troppo caldo e secco può mandare in crisi la pianta.

Scegliamo un locale ben illuminato ma non esponiamo direttamente la pianta ai raggi solari, per evitare ustioni. Naturalmente in inverno possiamo esporla tranquillamente al sole, poiché i raggi non sono così forti e schermati dalla finestra. Ma in estate o nelle ore più calde evitiamo di lasciarla al sole.

Come irrigare la Masdevallia

Possiamo irrigare la Masdevallia come facciamo con tutte le Orchidee. Il modo più semplice è di riempire un contenitore di acqua a temperatura ambiente (bacinella, lavandino, ecc.) e immergere il vaso, facendo attenzione a non far fuoriuscire il substrato e le cortecce. Lasciamo la pianta in acqua per circa mezz’ora e poi lasciamola scolare per almeno 15 minuti per far uscire tutta l’acqua in eccesso.

Come tutte le piante tropicali richiede un’elevata umidità ambientale: almeno al 60%. Quando l’aria è troppo secca, quindi in estate e in inverno quando sono in funzione gli impianti di riscaldamento, è bene nebulizzare le foglie con acqua demineralizzata a temperatura ambiente. L’acqua piovana va benissimo oppure acqua distillata. Le nebulizzazioni vanno ripetute frequentemente: in estate anche tutti i giorni. Meglio effettuare le nebulizzazioni alla mattina, per dare tempo all’acqua in eccesso di evaporare grazie al sole di mezzogiorno e limitare il rischio di malattie fungine.

Per migliorare l’umidità ambientale possiamo anche ricorrere a un idratante per Orchidee.

Per avere maggiori informazioni sull’irrigazione delle Orchidee, leggi questo articolo!

Come rinvasare la Masdevallia

Per rinvasare la Masdevallia scegliamo possibilmente un vaso trasparente. Per la coltivazione delle Orchidee è molto utile poiché ci permette di vedere il colore delle radici e di illuminarle.

Non usiamo un terriccio “universale” ma preferiamo sempre un substrato specifico per Orchidee. I terricci “normali” devono avere la capacità di trattenere molta umidità, per renderla disponibile alle radici delle piante. Nel caso delle Orchidee invece l’acqua viene assorbita dalle foglie e le radici tendono a marcire per gli eccessi di umidità. I terricci specifici per Orchidee sono invece composti da torbe e cortecce che hanno la funzione di drenare l’acqua in eccesso e di trattenere l’umidità necessaria per rilasciarla lentamente alle radici.

Ogni 2 anni il terriccio va sostituito poiché tende a deteriorarsi.

Come concimare la Masdevallia

Il terriccio non è in grado di apportare alla pianta tutto il nutrimento di cui ha bisogno. Specialmente durante le fasi vegetative e di fioritura è importante aiutare la pianta con un fertilizzante liquido specifico per Orchidee da aggiungere all’acqua di irrigazione. Oppure possiamo ricorrere a un integratore per Orchidee: si tratta di un piccolo flacone da inserire capovolto nel substrato. Rilascia gradualmente le sostanze nutritive e fornisce i nutrienti in modo bilanciato per 15 giorni.

Fare rifiorire le Orchidee non è semplice: per saperne di più leggi questo articolo!

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi

Articoli recenti

Come coltivare la Luffa: un rampicante con fiori e frutti insoliti

Ci sono molti motivi per coltivare la Luffa: per i suoi frutti molto particolari, per…

25 Novembre 2022

Come coltivare la Houttuynia cordata in giardino e in vaso

Se abbiamo un laghetto o uno specchio d’acqua nel giardino, possiamo facilmente coltivare la Houttuynia…

18 Novembre 2022

Come coltivare la Miltonia e la Miltoniopsis

Gli appassionati di Orchidee amano coltivare la Miltonia per le sue generose e ripetute fioriture.…

10 Novembre 2022

Cactus e Piante Grasse: quali differenze ci sono?

Diciamo subito che usare i termini Cactus e Piante Grasse come sinonimi è sbagliato! E…

4 Novembre 2022

Come coltivare il Fico d’India in vaso

Per coltivare il Fico d’India in giardino è necessario un clima mite in inverno: ma…

28 Ottobre 2022

Come coltivare la Rodiola rosea

Possiamo coltivare la Rodiola rosea in giardino se stiamo cercando una pianta tappezzante poco esigente,…

27 Ottobre 2022