Giardino e Prato

Come coltivare il Limonium: la pianta con i fiori di carta

Coltivare il Limonium, conosciuto anche come Statice o Limonio, è facile in quanto non richiede particolari cure e regala tante soddisfazioni dal punto di vista visivo.

Questa pianta erbacea perenne, viene spesso coltivata come annuale e come fiore reciso grazie alla sua bellezza e alla sua fioritura aggraziata. Il fiore del Limonium simboleggia l’amore che dura nel tempo e la bellezza eterna e viene spesso utilizzato nelle composizioni floreali dei matrimoni o di altre ricorrenze speciali.

La pianta è caratterizzata da steli erbacei rigidi e ramificati, piccole foglioline e inflorescenze a corimbo composte da fiori di circa 1 cm.

Noti anche come fiori di carta a causa della notevole durata, si possono trovare Limonium di tanti colori diversi come bianco, rosa, giallo, viola e azzurro.

È indicata come pianta da bordura o in aiuole fiorite, ma può essere coltivata anche in vaso.

COLTIVARE IL LIMONIUM: ATTENZIONE AI RISTAGNI D’ACQUA

Originario della zona mediterranea, cresce bene in climi temperati con temperature minime intono a 0°C. In zone dall’inverno rigido si consiglia di pacciamare il terreno oppure, se coltivato in vaso, di portare il Limonium al riparo in una serra fredda. Ci sono però varietà che sopportano le temperature più rigide e vanno in riposo vegetativo in inverno per poi riprendersi in primavera.

La fioritura va dall’estate fino all’autunno inoltrato e l’esposizione ideale è soleggiata: è la pianta perfetta per aiuole e giardini nelle case di mare.

Il terreno adatto deve essere fertile e ben drenato. Per la coltivazione in vaso possiamo usare un terriccio per piante fiorite avendo cura di stendere uno strado di biglie di argilla espansa sul fondo del vaso per proteggere le radici dell’acqua in eccesso.

I ristagni d’acqua sono infatti un problema poiché questa pianta li teme particolarmente. Le innaffiature devono essere rade e non abbondanti, concentrate soprattutto nei periodi di siccità in estate. Svuotate sempre i sottovasi dopo aver irrigato questa pianta.

In giardino possiamo concimarlo due volte all’anno, prima e dopo la fioritura, con un fertilizzante granulare a lenta cessione. Per la coltivazione in vaso possiamo invece optare per un fertilizzante liquido per piante da fiore, da miscelare all’acqua per l’irrigazione da marzo a settembre ogni 15 giorni.

In estate è consigliabile eseguire una potatura, sfoltendo la chioma con delle cesoie per dare respiro e forma alla pianta e garantire una fioritura migliore.

POTREBBE INTERESSARTI

Condividi
Tag: limonio

Articoli recenti

Come coltivare il Bergamotto

Possiamo coltivare il Bergamotto in giardino soltanto nelle zone del sud Italia, poiché va in…

27 Gennaio 2023

Come coltivare il Solanum pseudocapsicum in vaso: la Ciliegia di Gerusalemme

Per coltivare il Solanum pseudocapsicum in tutta Italia è meglio ricorrere a un vaso, in…

20 Gennaio 2023

Come curare la Calluna vulgaris dopo la fioritura invernale

Curare la Calluna vulgaris tutto l’anno non è difficile. È una pianta perenne e dopo…

13 Gennaio 2023

Piante da appartamento da non perdere nel 2023!

Sei alla ricerca di piante da appartamento originali per arricchire il tuo spazio verde domestico?…

6 Gennaio 2023

Come coltivare gli Agerati

Se amiamo il blu e l’azzurro possiamo coltivare gli Agerati (Ageratum houstonianum): sono piante semplici…

23 Dicembre 2022

Come coltivare lo Zenzero

Coltivare lo Zenzero in casa non è difficile e possiamo allevarlo anche in vaso sul…

16 Dicembre 2022