skip to Main Content

Fuori di news

< Torna alla ricerca

COME COLTIVARE GLI ASPARAGI: PER HOBBISTI PIU' CHE ABILI!

20 Apr 2018

2327

2
coltivare gli Asparagi


Coltivare gli Asparagi è una tradizione diffusa in tutto il Mediterraneo fin da tempi antichissimi, per il loro sapore delicato: tra Egitto e Medio Oriente erano presenti nei campi fin dal 2.000 a.C. e già dal 200 a.C. erano presenti sulle tavole degli antichi romani e sappiamo che gli imperatori, per un certo periodo, li considerarono una prelibatezza.

L’Asparago appartiene alla famiglia delle Liliacee, la stessa della Cipolla, dell’Aglio e dello Scalogno e con essi condivide le proprietà diuretiche.

COLTIVARE GLI ASPARAGI: INIZIAMO IN PRIMAVERA

Coltivare gli Asparagi non è un’operazione semplice: l’Asparago nasce da una rete di rizomi simili a quelli del bambù, che richiedono molto spazio relativamente alle dimensioni della pianta per crescere adeguatamente, quindi di fatto un piccolo campo a sé. Può essere piantato a partire dal seme o da una sezione del suo rizoma e impiega qualche anno prima che il fusto, o turione, cresca per essere raccolto.

Il periodo migliore per il trapianto o la semina va da marzo ad aprile. Se ben curato, un orto di Asparagi può fornire raccolti anche per vent’anni dopo la sua semina. È sufficiente, nel momento del raccolto, lasciare che una parte delle piante compia il suo ciclo attaccato alle radici per avere raccolti ancora più corposi l’anno dopo.

CONSIGLI PER LA COLTIVAZIONE

L’orto nel quale si coltivano gli Asparagi, o asparagiaia, necessita di un ambiente particolare: dev’essere soleggiato, ma non esposto né a un caldo intenso né a un freddo troppo rigido, né a un clima troppo ventoso.

Il terreno su cui far crescere gli Asparagi dev’essere innanzitutto ben drenato e a volte è necessario aggiungervi della sabbia per essere sicuri che non sia troppo umido.

Il concime va distribuito abbondantemente al momento della messa a dimora o della semina. In seguito possiamo aggiungere un fertilizzante granulare a lenta cessione per piante orticole nel mese di giugno.

L’irrigazione dell’asparagiaia dev’essere costante e abbondante per i primi due anni, fino alla comparsa delle prime piante mature. Dopo il primo raccolto, è sufficiente innaffiare solo nei mesi caldi o nei periodi di siccità, e lasciare fare il resto alle piogge stagionali.

L’autunno per gli Asparagi è la stagione dedicata alla cura dei campi: per eliminare i turioni appassiti e distribuire un concime organico per aiutare le piante ad affrontare il gelo dell’inverno.

Un’attenzione particolare va condotta a riguardo della lotta ai parassiti; l’Asparago è esposto all’attacco sia di insetti, come gli Afidi e la Mosca delle Cipolle, sia di funghi, come la Fusariosi, la Ruggine e il Mal vinato. In ognuno di questi casi, si notano delle macchie scure o delle deformità nella crescita della pianta e si può intervenire con prodotti specifici.

 

ARTICOLI CORRELATI

ORTAGGI E FIORI: UN ABBINAMENTO ORIGINALE / Giardino e Prato - Orto e Frutteto

31 Mar 2017

4580

1

COME REALIZZARE UN ORTO IN VASO SUL TERRAZZO / Orto e Frutteto

28 Mar 2017

4630

0

AUTODIAGNOSI E CURA

TROVA UN RIVENDITORE

POTREBBE INTERESSARTI

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca
Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type
Facebook Twitter Instagram Linkedin